Pendolarismi / parte III

a cura di

LemmeLemme


immagini di

TwentyoneAvenue



Un gruppo di amici condivide l'affitto di una casa al mare come tutte le estati.

Un rituale per ritrovarsi e passare le settimane di agosto insieme che negli ultimi 6 anni si è svolto in Francia.

I nostri protagonisti, venuti una dal nord Italia e uno da Roma, si ritrovano come ogni estate, quest'anno però su una costa italiana.


Per leggere i precedenti episodi potete leggere QUI e QUI



19 Agosto _Mattina

Il mercato alimentare di un paesino affacciato sul mar Tirreno.


A. S.

Comunque, le cipolle in Corsica erano molto più belle, ti ricordi?

C. T.

io te lo dico, neanche ci volevo venire in vacanza quest'anno.

Tantomeno in Francia.

O Spagna.

O Croazia.

A. S.

Beh quello no addirittura...semplicemente secondo me,

si poteva continuare ad andare nello stesso posto di anni.

Un paesino piccolo, la casa bella...

C.T.

Sì, ma anche solo lo sbattimento di prendere il traghetto,

mascherina tutto il tempo, attenzione a tutto...

troppa fatica per una vacanza.



A. S.

Sì va beh...il viaggio dura un giorno, la vacanza continua...

A me scoccia che gli altri fossero preoccupati

realmente delle probabilità di contagi.

C. T.

e poi metti che non ci fanno rientrare!

A. S.

Ma magari...

Comunque scherzi a parte...le cipolle,

e anche i peperoni erano migliori. Anche i limoni.

C. T.

Ma perché là conosciamo tutti, sappiamo dove andare a pescare.

Qui non ci conosce nessuno e la verdura migliore la

tengono da parte per gli aficionados.

A. S.

Ma poi guardati in giro... È nonsense puro...

Quella signora ha abbassato la mascherina per parlare perché sennò non si sentiva.

Davvero Guido e Veronica si sentono più sicuri in Italia?

Che senso avrà...

C. T.

Certi vecchi però non contano, quelli si abbassano la mascherina

perché sotto sotto sperano di essere contagiati.

A. S.

Ricordiamo che durante il lockdown era lui, tra l'altro, a mandare video complottisti... e adesso senza logica apparente mette la mascherina anche per andare a buttare la spazzatura.

C. T.

Perché puzza.

A. S.

Ahahah esatto io la metto per cambiare i pannolini!

C. T.

Fa così perché adesso ha qualcuno di cui avere paura.

Quelli che vanno all'estero, gli stranieri che vengono qui...

A. S.

Come se i mesi scorsi avessero rafforzato il legame con la patria..

voglio dire, per qualcuno sarà anche stato così...

C.T.

Uh... non so, la vedo più come soluzione facile della nostra mente:

è sempre così, che se il pericolo viene dall'altro,

non ti senti obbligato a responsabilizzarti

A. S.

In che senso?

C. T.

Però questo melone vince, guarda? Perfettamente tondo.

A. S.

Perché, conta la forma, non com'è dentro?

C. T.

Chi può dirlo?

A. S.

Vabbè, stavi dicendo?

C. T.

Che se il rischio può venire da chiunque vuol dire

che dobbiamo stare tutti attenti, se invece "noi" siamo puliti

e sono gli "altri" il pericolo, non dobbiamo fare tanta fatica.

A. S.

È un vizio mentale, un modo di ragionare...

C. T.

Il motivo per cui Guido e Veronica si sentono più sicuri in Italia

è che il loro cervello sa che se 60.000.000 di italiani sono

il pericolo allora è pesante...

se lo sono solo i mille immigrati e i 500 deficienti che sono andati

a sballare a Zagabria allora siamo tranquilli.

A. S.

Il punto è...dove siamo "al sicuro"? Ma poi al sicuro da cosa?

Se una cosa la pandemia l'avrà stimolata oltre all'amor di patria

per alcuni speriamo sia il senso critico.

C. T.

Speriamo.

Ma non so, davvero....

A. S.

Se penso al mare di cazzate che sono girate questa primavera

e alle prime pubblicità che ho sentito appena risalita in auto...

"ripartiamo al doppio della velocità" o cose simili

per pubblicizzare una nuova auto.

C.T.

Abbiamo capito cosa veramente importa... ora dimentichiamocene in fretta!

Questo era il senso degli spot e della filosofia di molti.

A. S.

Tutti in casa a proclamare ecologismo a buon mercato

e adesso comprano l'Amuchina monodose in plastica.

C. T.

Per poi non usarla e non fare la figura dei paranoici in pubblico.

A. S.

Come sempre, chi ha la pazienza e la tenacia di perseguire...

di dare un senso...sono davvero pochi.

C. T.

Io credo ci stiano pure le incongruenze... ci può pure stare,

però almeno averne un minimo di coscienza non sarebbe male.

"So di essere incoerente". Sarebbe già qualcosa.

A. S.

Una frase che ho sentito dire moltissimo dagli amici ultimamente è stata:

"Abbiamo un sacco di conoscenti che dopo questa esperienza hanno cambiato vita..."

C. T.

Io, ad esempio, non finirò mai la mai vita nella foresta boliviana,

dopo aver rinunciato al ruolo di Ministro dell'Agricoltura,

me ne rendo conto che è un po' ipocrita, ma è un primo passo...

A. S.

"...Sì trasferiscono, cambiano vita, cercano la natura,

hanno capito cosa conta.."

C. T.

Ma chi, scusa?

A. S.

Moltissimi amici di amici!

Poi nella pratica sono davvero curiosa di vedere quali cambiamenti...

C. T.

Ah ecco... Dicono che vogliono cambiare vita, non che l'hanno fatto.

A. S.

Intendo dire che c'è molta "propaganda"

che mi ricorda i toni green in quarantena ...

C.T.

Già.

A. S.

Ora è brutale dirlo così, ma la gente davvero sempre più spesso

dice una cosa e vive in modo contraddittorio.

C. T.

Sempre più spesso? Abbiamo passato 50 anni dal dopoguerra a parlare

di genuinità mentre facevamo di tutto per allontanarci dalla natura.

Ci piace raccontarci in un modo e poi scegliere per ciò che è più comodo.

A. S.

Allora diciamo che stiamo diventando sempre più bravi.


C. T.

Comunque meglio di quelli che usano la quarantena per dire che

bisogna fregarsene di vincoli e lacciuoli e spingere sull'acceleratore.

A 300km/h verso il precipizio dell'estinzione in nome dell'economia.

A. S.

Ovvio...

Che poi è esattamente la gente dalla quale siamo circondati adesso...

Gente che ha lodato il lockdown prima, ora, per riprendere l'economia e fare cassetto,

ha tacito accordo coi carabinieri locali che chiudano un occhio...

C. T.

Ma infatti...

A. S.

Meglio lo svedese medio che ha agito in coerenza della confusione europea...

Discutibile coerenza..però lineare.

C. T.

ah... ancora con sti svedesi...

di tutto il nord Europa sono quelli usciti peggio.

A. S.

Eh ma sto parlando di lucidità mentale, comportamenti...

Non di contagi o statistiche...

C. T.

Sì, lo so... sai chi mi fa ridere, invece? chi, per criticare le linee politiche

intraprese da noi (criticabilissime per mille motivi, ovviamente),

parla di tutti quelli che hanno avuto ripercussioni psicologiche negative.

Non so bene, ma se fosse stata tutta Italia come Bergamo e Brescia credo

che le ripercussioni psicologiche sarebbero state un cicinìn

peggiori che con un lockdown.

A. S.

Beh lì andiamoci cauti...si è senza dubbio vero, ma si parla anche e soprattutto di ripercussioni su bambini, giovani, fasce più deboli.

C. T.

Non lo nego, anzi, è stato un disastro.

Ma i bambini, giovani e fasce deboli di quella gente

che perde genitori e nonni in due settimane?

Ripercussioni psicologiche ne hai comunque.

A. S.

Sì...purtroppo si parte dal triste presupposto che un'emergenza nazionale

di questo tipo porti ripercussioni a tutti di base...

Poi se ne fa un discorso di "quanto", "come" e con differenze in base ai luoghi alle fasce...

C.T.

Prova a immaginare lo scenario (plausibile) di un contagio nazionale

in linea con quello lombardo. Sarebbe stata un'ecatombe.

A livello psicologico per le fasce deboli non credo

sarebbe stata una festa del tipo: almeno non sono rimasto in casa

e posso girare per strada a fare lo slalom fra i cadaveri. Stile Brasile.

A. S.

Ti ripeto che sto parlando di lucidità mentale. E comunque non è del tutto plausibile che senza lockdown ci saremmo ritrovati necessariamente come il Brasile, non mi azzarderei ad affermarlo...

Il punto è che qui siamo nella confusione, nella contraddizione permanente....ho sentito dire chiaramente al gestore dei bagni dove eravamo ieri: "Ora tanto quello che importa è recuperare il tempo e i soldi persi...tanto se decidono che deve tornare torna"

C. T.